, come se gli fosse accaduta ieri. Documento: Testamento di Marco Dandolo in Archivio di Stato di Venezia. De Clara, Silvia Dionisio, Evi Maltagliati, Raoul Grassilli, Mario Scaccia, Lionel Stander. Zulian era anche vicino ad ambienti massonici il che spiegava ulteriormente il suo agire. (fonte: Rudj Gorian Editoria e informazione a Gorizia nel Settecento: la Gazzetta goriziana, Trieste, Deputazione di Storia Patria per la Venezia Giulia 2010, pag. L'ultima abitazione veneziana di Casanova Rimasto senza fonti di sostentamento, si dedicò all'attività di scrittore, utilizzando la sua vasta rete di relazioni per procurare sottoscrittori alle sue opere. Raccomando alla loro bontà la persona di Giacomo Casanova, che mi fu in tutta la sua vita attaccato col cuore, e amoroso alla mia persona, e che ha mostrato in ogni tempo la più comendabile gratitudine a' miei pochi benefizj. Tanto era brillante e trascinante quando parlava della sua vita 83 - osserva de Ligne - quanto terribilmente noioso, prolisso, banale quando parlava o scriveva su altre materie. Tuttavia ciò rimane solo un'ipotesi perché non è stato mai trovato un manoscritto riguardante il periodo successivo al 1774. Un attento e approfondito esame della posizione politica del Casanova è stato compiuto da Feliciano Benvenuti (Casanova politico, atti del convegno: Giacomo Casanova tra Venezia e l'Europa, a cura di Gilberto Pizzamiglio, fondazione Giorgio Cini, Venezia,. Imprimerie nationale, 1963, pag 15 e seg. Con Bruno Kasner, Ria Jende, Rose Lichtenstein, Karl Platen. Il passo può essere consultato qui ( Mémoires et mélanges historiques et littéraires, tomo IV pag.291,. Alcuni autori hanno tentato una ricostruzione cronologica dei fatti utilizzando i documenti disponibili, tra cui il Brunelli (Bruno Brunelli, Vita di Giacomo Casanova dopo le sue memorie, cit. A questo riguardo va anche considerato che il suo presunto padre naturale, Michele Grimani, apparteneva a una delle famiglie più illustri dell'aristocrazia veneziana, annoverando ben tre dogi e altrettanti cardinali. Al più, l'autore potrebbe essersi cautelato con qualche piccola accortezza: spesso, trattandosi di donne sposate, alcune sono citate con le iniziali o con nomi di fantasia, talvolta l'età viene un po' modificata per galanteria o per vanità dell'autore. Il mondo di Giacomo Casanova. Si può leggere il nome corretto nel documento relativo al battesimo del Casanova, che è stato conservato. Vitelli (Salt Lake City. Bruno Rosada, Il Settecento veneziano. Ma su questo non tutti gli studiosi concordano, tanto che la lapide apposta in calle Malipiero dice "In una casa di questa calle, già Calle della Commedia, nacque il Giacomo Casanova" senza alcun altro più specifico elemento. 71 Morì il 4 giugno del 1798 e nei pressi del castello fu sepolto. L'autore della voce relativa al Casanova, Bartolomeo Gamba, intestò erroneamente la voce a Giovanni Giacomo Casanova. Il quadro passò, nel 1993, da Preziosi alla collezione privata del casanovista Giuseppe Bignami di Genova. 97 Molti furono solo lettori e quindi influenzati in modo inconscio, altri scrissero opere ambientate nell'epoca di Casanova e di cui egli era protagonista. L'identificazione di Teresa con Angela Calori, nota virtuosa, cioè cantante, di gran successo, escort bakeka roma bakecaincontri milano si basa su ricerche effettuate già dai casanovisti del passato, come Gustavo Gugitz, il quale però ritenne che il personaggio fosse in realtà una costruzione letteraria. Rimase vedova nel 1734 (Fonte:. Ser Zanne Bragadin, per vivere alle spalle di questo o di quello. Questi aveva cercato in tutti i modi di sposarla, ma la ragion di stato (lui era membro di una delle dodici famiglie - cosiddette apostoliche - più nobili di Venezia) glielo aveva impedito, a causa di alcuni oscuri. Teresa viene spesso citata nell' Histoire sotto il nome fittizio di Teresa Lanti, maritata con Cirillo Palesi, nome anch'esso fittizio. Secondo Samaran ( Jacques Casanova ecc. James Rives Childs, Casanoviana. Il decreto di fondazione della lotteria è un arrêt del Consiglio di Stato del re Luigi XV, datato (BnF, Departement des Manuscrit Française 26469, fol. La corrispondenza consente di ricostruire gli anni successivi al secondo esilio di Giacomo Casanova. 1782 - Di aneddoti viniziani militari ed amorosi del secolo decimoquarto sotto i dogadi di Giovanni Gradenigo e di Giovanni Dolfin.